DISSONANZE

Radio Gogol

Ci sono luoghi che sono belli senza esserlo. Sono luoghi in cui la bellezza passa attraverso la capacità di vederla oltre all’ovvio, come una presenza fatta di possibilità e non di realtà delle cose. Un’idea, l’illusione forse, di poter migliorare il migliorabile....

Angeli e fantasmi

Una pausa di un paio di settimane ed eccomi di nuovo a scrivere da Palermo. La Sicilia è un luogo lontano, un approdo nel Mediterraneo solido ma esigente. È una terra che ospita ma pretende e quindi fa crescere, come tutte le situazioni da affrontare. Luogo di...

Il tempo giusto

La velocità ha il suo fascino, da sempre. Inevitabile. Un brivido a volte, un’esigenza altre. Il tempo è denaro ma il denaro non ha tempo, né di aspettare né di capire. Sono da sempre più attratto dalle canzoni lente, quelle che nell’ambiente vengono definite...

American Idiot

American Idiot, lo si capisce da subito, è un album che è stato scritto per lasciare un segno. Sarà il titolo così definitivamente provocatorio o la granata a forma di cuore che spicca tra il bianco e nero della copertina. Ma sta di fatto che senza nemmeno ascoltarlo...

Shock in my town

La musica è storia. Storia di quello che accade e di quello che accadrà. La canzone è testimone del suo tempo e a volte capita che possa persino segnare la direzione di una società intera. È un fatto più o meno noto, di cui non sempre si ha coscienza. Alla fine la...

IL FASCINO DISCRETO DEL VINILE NERO

L’hotel è semplice, pulito. Nulla di più. Ma è vicino all’aeroporto. La sveglia è alle 6.40, non per scelta. Un rumore piuttosto ingombrante di un aereo a poche centinaia di metri dal tetto dell’albergo. Probabilmente è il primo volo del mattino. Ormai sono sveglio,...

Man on the moon

Una storia singolare quella di Andy Kaufmann. Prima comico da cabaret, poi intrattenitore assolutamente imprevedibile e provocatore portato al successo dal produttore George Shapiro nella sitcom “Taxi”. Un film sulla sua vita era inevitabile ed è arrivato, puntuale,...

La ripartenza della Musica italiana che sa di primavera

Inizio a scrivere per questa rubrica allo sbocciare della mia stagione preferita. Nuovi germogli, aria di rinnovamento. La musica italiana mostra segni di vita, dalle radici come è corretto che sia. Sento nuove band e nuovi cantautori, sono tanti. Li vedo comparire...

Pin It on Pinterest

Share This